Castelnuovo Berardenga

Castelnuovo Berardenga























Castelnuovo Berardenga - Toscana


Castelnuovo Berardenga viene spesso considerata come una specie di 'appendice' di Siena dal momento che non viene mai considerata dai turisti come appartenente alla provincia di Siena. Infatti la città e i territori circostanti sono pieni di fascino, carattere e storia, e Castelnuovo Berardenga dovrebbe davvero essere considerata come il territorio più a sud della zona del vino Chianti piuttosto che un sobborgo marginale di Siena. Abbiamo cercato di elencare qui le opere architettoniche, i giardini e i luoghi storici più interessanti e consigliamo vivamente ai turisti di trascorrere un giorno esplorando questa parte molto interessante della Toscana.


Castelnuovo Berardenga Torre dell'Orologio

Castelnuovo Berardenga clock tower

Castelnuovo Berardenga Torre dell'Orologio
(Cliccate sulle immagini per ingrandirle)



Castelnuovo Berardenga è una Città Slow d'Italia


Cose da vedere a Castelnuovo Berardenga

Villa Chigi Saracini, con i suoi splendidi giardini.

Villa di Geggiano (Villa Bianchi Bandinelli) e suoi giardini.

Villa di Monaciano, e suoi belli giardini inglese.

Pieve di S. Giusto e S. Clemente e la Madonna di Giovanni di Paolo (1426)

Pievasciata e il borgo medievale di San Gusmè.

La Pieve romanica a Pacina con il suo campanile tondo.

L'Abbadia d’Ombrone e il Monastero d’Ombrone.

Il Certosa di Pontignano e i chiostri e giardini.



Borgo medievale di San Gusmè
Borgo medievale di San Gusmè

Pieve romanica a Pacina
Pieve romanica a Pacina





Castelnuovo Berardenga - la storia

l territorio del comune di Castelnuovo Berardenga si estende per 177 kmq, fra la pianura e le colline dell'alta valle del fiume Ombrone. Il nucleo originario della comunità risale al XIV secolo, ma l'assetto definitivo le fu dato nel 1777 con la riforma leopoldina.

La contrada della Berardenga prende nome dal nobile, di stirpe franca, Berardo, vissuto nella seconda metà del X secolo e discendente da un Guinigi che era stato conte di Siena. Con la disgregazione dell'ordinamento carolingio e la conseguente perdita del titolo nobiliare, la famiglia della Berardenga riuscì, tra il X secolo e l'inizio del XIII, a imporre la propria signoria su una vasta zona del contado orientale di Siena, denominata per la prima volta Terra Berardinga nel 1050. Ma fin dalla metà del secolo XII Siena iniziò ad esercitare un controllo sempre più stretto sul territorio, che già all'inizio del Duecento veniva inserito nell'amministrazione comitatina, divenendo quindi sede di vicariato nei primi anni del Trecento. Solo nel 1366 il governo senese prese la decisione di costruire al centro di questo importante territorio di confine un nuovo castello: nacque così Castelnuovo, destinato a essere il capoluogo e il fulcro economico della Berardenga. Erano state da poco ultimate le fortificazioni e il castello cominciava a svolgere la propria funzione quando dovette subire l'assalto dell'esercito fiorentino capeggiato da Giovanni Acuto (1382); altri tentativi furono fatti da Firenze per togliere Castelnuovo a Siena tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento, ma solo nel 1554 l'intento fu raggiunto con l'annessione di tutto lo Stato senese al ducato mediceo. Nel comune di Castelnuovo si trova Montaperti, teatro della battaglia del 4 settembre 1260 che vide la vittoria di Siena ghibellina sulle truppe dei fiorentini e dei loro alleati guelfi.


Vagliagli, un piccolo borgo con una vista panoramica

Castelnuovo Berardenga Festa dell 'Uva
Borgo di Vagliagli
L’ultima settimana del mese di settembre -
Da non perdere!

Castelnuovo Berardenga Grape Festival Village of Vagliagli


Tradizionale festa, tra le più importanti ed interessanti del territorio senese, per il suo elevato livello di proposte, culturali ed enogastronomiche. Il piccolo borgo si trasforma per l’occasione in una incredibile vetrina, ove si rispecchiano fedelmente le tradizioni, i mestieri e la vita delle famiglie legate alla terra, alla natura, alla bellezza e alle fatiche dei luoghi.

Durante la festa, numerosi sono i punti di degustazione e vendita dei prodotti tipici, con particolare riferimento all’eccellente Chianti della zona.

Interessante è la rassegna di carri allegorici, con temi che si ispirano alla campagna e alla vita contadina, accompagnati da sfilate di uomini e donne in costumi tradizionali.

























Castelnuovo Berardenga © ammonet InfoTech 2005 - 2017. All rights reserved.